• Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Google+ - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Flickr - Black Circle

© 2018 by Rivista Maria Ausiliatrice. Via Maria Ausiliatrice 32, 10152 Torino.  Created with Wix.com

La storia di rivista MARIA AUSILIATRICE

1928: l'inizio

Il Beato Filippo Rinaldi, terzo successore di Don Bosco, in una lettera, così scrisse ai molti devoti di Maria Ausiliatrice:

Molte volte fu reclamato un periodico che parlasse solo di Maria SS. Ausiliatrice e del suo Santuario di Torino. Ne fecero domanda numerosi divoti di Lei, che vivono lontano, mossi dal desiderio di poter attingere più abbondantemente al centro fortunato delle meraviglie dell’Ausiliatrice. […] A tutti poi parve quasi inconcepibile che, possedendo ormai il proprio periodico pressoché ogni Santuario del mondo, non l’avesse ancora il Santuario dell’Ausiliatrice.

Nasceva così la Rivista Maria Ausiliatrice, ma durò solamente fino al 1943.

1980: la rinascita

San Giovanni Paolo II visita due volte Valdocco: indimenticabile il suo incontro con i giovani in Piazza Maria Ausiliatrice, il 13 aprile 1980. Tra i propositi scaturiti dalla grazia della visita e l’incoraggiamento dato dall’impulso del Rettor Maggiore, Don Egidio Viganò, all’animazione mariana ci fu la ripresa della Rivista. Don Gianni Sangalli, già rettore del Santuario, fu il rifondatore della Rivista che diresse per più di 20 anni. Il suo progetto era di fare una vera rivista popolare di formazione mariana, al servizio della Famiglia Salesiana. L’idea originaria del Beato Filippo Rinaldi (ma con respiro più ampio) riprendeva così vita.

2000: il sito e l'archivio on line

Nell’Anno Giubilare del 2000 è iniziato, con il sito della casa Madre, l’Archivio online della Rivista. È strutturato in due sezioni: Formazione Cristiana e Formazione Mariana. Quando l’Archivio era ancora in fase di progettazione, Don Gianni Sangalli, approvando lo schema generale, affermò:

«In questa maniera si dà nel tempo una seconda vita alla Rivista», cioè una vita virtuale.

Nel decennale di questo servizio si è reso necessario il ‘restyling’ del sito stesso, dotandolo di nuove impostazioni grafiche. L’Archivio della Rivista in due sezioni mantiene quella relativa agli anni 2000-2012 e la seconda che comincia dal 2013. Questa nuova parte dell’Archivio, si struttura attorno a sette tematiche principali: Gesù Cristo – Maria di Nazaret – Santità – Spiritualità – Ecclesialità – Salesianità – Esperienze.

2009: un nuovo rinnovamento

La Rivista si rinnova nella sua veste grafica e periodica, tornando ad essere un bimestrale. Oggi la Rivista vuole rivolgersi alle famiglie e ai giovani in modo da offrire un punto fermo nella formazione delle coscienze. Molti amici, professionisti dell’informazione offrono il loro qualificato servizio perché la devozione a Maria Ausiliatrice possa continuare attualizzata nel tempo.

2018: prospettive future

Sulle pagine della Rivista si sono susseguiti articoli e rubriche che ne hanno fatto una vera Rivista popolare di formazione mariana e cristiana, al servizio della Famiglia Salesiana. La sua base operativa era ovviamente nella cittadella storica di Valdocco, che proprio in questo tempo sta affrontando un intenso lavoro di ristrutturazione.

Questo lavoro di cambiamento che interessa il Santuario, chiama in causa anche la redazione della nostra Rivista, la quale deve saper cogliere questo cambiamento. A partire da gennaio 2019 la Rivista Maria Ausiliatrice non sarà più diffusa nella forma di abbonamento cartaceo.

Le tematiche, cuore della Rivista, tuttavia continueranno

  • on line sul sito e sulle pagine social 

  • come rubrica del Bollettino Salesiano, per tenervi aggiornati su tutto quello che avviene nella Basilica e a Valdocco

  • per conoscere i miracoli di bene che Maria Ausiliatrice compie nel mondo, soprattutto fra i più poveri, riceverete il periodico di Missioni Don Bosco “Terre lontane”.

L’idea originaria del Beato Filippo Rinaldi, adeguata ai tempi, continua a vivere. Un sincero ringraziamento a chi in questi anni è stato fedele lettore della Rivista, a chi si è fatto propagatore e ringraziamo quanti vorranno continuare a seguirci in questa nuova esperienza.